L’aeroporto di Fiumicino ispira il cinema mondiale

di Maria Francesca Raiola


 

Pablo Picasso affermava che l’artista è un ricettacolo di emozioni che vengono da ogni luogo, cosa avrebbe pensato se avesse visto il nostro aeroporto oggi? Sicuramente avrebbe confermato questa sua tesi, come fonte d’estro creativo, vista la multietnicità emotiva che guida il viaggio di ogni passeggero nel mondo.

Un luogo d’ispirazione che vede, anche quest’anno il Leonardo da Vinci accreditarsi tra le location più richieste dalle produzioni internazionali, tra cui quella di Book Club 2, il sequel ambientato a Roma.
Forti del successo del primo capitolo, le quattro amiche interpretate da Diane Keaton, Jane Fonda, Candice Bergen e Mary Steenburgen portano il loro club del libro in Italia, tra segreti che riemergono e conseguenti colpi di scena. 


Molti artisti prediligono l’Aeroporto grazie anche al suo ambiente confortevole e alla disponibilità dell’organizzazione di ADR. Nell’ultimo trimestre ha fatto tappa a Fiumicino anche la produzione di Mafia Mamma, il nuovo film di Catherine Hardwicke, già regista di Twilight, con protagoniste Toni Colette, Monica Bellucci e  Rob Huebel. Si tratta di un comedy drama la cui trama verte intorno alla figura di Kristin, una donna americana, che si ritrova improvvisamente erede dell’impero mafioso del nonno e delle intrinseche difficoltà di gestire un ambiente dalle molteplici sfaccettature.

Riprese nello scalo anche per il nuovo film di Enrico Maria Artale Jose Luis, ambientato tra Fiumicino e la Colombia di cui sono state girate alcune scene presso le Partenze del Terminal 3. Nella finzione il protagonista Julio - interpretato da Edoardo Pesce – è un corriere della droga, molto legato alla madre colombiana con cui vive a Roma in una piccola casa nella quale è presente anche la compagna. A seguito della morte della madre, Julio cercherà di riportarne le ceneri in Colombia. È da qui che il protagonista inizierà tutta una serie di peripezie.

Sbarca a Fiumicino anche l’attrice Matilda De Angelis con la serie prodotta da SKY Call my Agent, diretta da Luca Ribuoli e ambientata per alcune scene al Terminal 1. Si tratta di un remake della serie tv francese Dix pour cent, sulle vicissitudini della potente agenzia CMA (Call My Agent) e le disavventure dei suoi soci, sempre alle prese con le carriere delle più grandi star del cinema italiano e le loro vite private.

Tra Terminal 5 e Partenze del T1 è caduta la scelta della nuova fiction Rai Protezione Civile, diretta da Marco Pontecorvo, la cui protagonista è Ambra Angiolini. Ultimo appuntamento in programma è con le riprese del film Quando tratto dal romanzo di Walter Veltroni.