Fiumicino sempre più "intermodale"

di Francesco Casaccia


 

Colazione la mattina presto a Napoli o Firenze e pranzo a New York nello stesso giorno. Fantascienza? No. È già realtà grazie allo sviluppo dell’intermodalità sostenibile, pensata e realizzata da Aeroporti di Roma e Ferrovie dello Stato Italiane per assicurare spostamenti più veloci, sostenibili, confortevoli.

In linea con la strategia governativa ed europea sullo sviluppo e incentivazione dell’intermodalità, all’inizio di marzo Marco Troncone, AD di Aeroporti di Roma e Luigi Ferrarsi, AD di FS Italiane hanno sottoscritto un accordo che prevede una maggiore integrazione tra treni e aerei per accorciare i tempi di viaggio e contribuire alla transizione green dello scalo di Fiumicino. “In questo modo – ha commentato Troncone – valorizziamo il ruolo di smart hub di Fiumicino e anticipiamo una nuova mobilità, nel nome della sostenibilità e della moltiplicazione delle opportunità di connettività per i viaggiatori. Da città servite con collegamenti efficienti di Alta Velocità, come Bologna, Firenze, Napoli, si sviluppa un traffico di oltre due milioni di passeggeri per mete di lungo raggio: l’ottanta per cento passa attraverso un hub europeo e possiamo catturare questo mercato creando un vantaggio competitivo per il sistema Italia. La nostra volontà è quella di accompagnare il passeggero verso un percorso di evoluzione e cambiamento del concetto di viaggio, nonché di poter supportare la rete trasportistica delle zone meno connesse e unire ulteriormente l’Italia, arricchendola di nuovi collegamenti”.

Il primo step di questa intesa è partito nelle settimane scorse con l’avvio dei nuovi servizi di Trenitalia con connessioni dirette Alta Velocità tra l’aeroporto di Fiumicino e il Sud Italia, grazie al collegamento con Napoli, e il potenziamento degli attuali collegamenti con il Centro del Paese.

A partire dall’11 luglio si è concretizzato il primo vero step della collaborazione tra ADR e FS con nuovi treni Alta Velocità che, da Napoli e Firenze (aggiungendosi al collegamento già attivo con Venezia) permettono di raggiungere l’aeroporto di Fiumicino in orari compatibili con buona parte dell’offerta di collegamenti aerei di lungo raggio. Nello specifico, l’arrivo dei nuovi treni a Fiumicino da Napoli e Firenze in orario mattutino consentirà efficaci prosecuzioni verso un’ampia scelta di destinazioni internazionali come ad esempio New York, Miami, Boston, Toronto, Dallas, Chicago, Doha etc. Portando un esempio concreto, sarà possibile partire da Napoli alle 5.45am, arrivare a Fiumicino (con una fermata intermedia presso la stazione di Roma Termini) alle 7.52am e imbarcarsi per New York, dove si potrà giungere nel primissimo pomeriggio dello stesso giorno.

A questo primo traguardo, seguiranno ulteriori step tra i quali lo sviluppo (già in corso) di prodotti integrati treno/aereo affinché, grazie al conseguimento di specifici accordi commerciali tra vettore ferroviario e vettori aerei, i clienti potranno effettuare un unico acquisto attraverso una soluzione di biglietto integrato treno + aereo.

 

Tra gli obiettivi posti non ultimo il miglioramento e sviluppo delle informazioni ai passeggeri sui voli e sulla circolazione dei treni, all'interno dei convogli, nelle stazioni e nei Terminal aeroportuali. La stazione diventa così un vero e proprio prolungamento del terminal aeroportuale. Nel frattempo, si stanno realizzando spazi per check-in dei passeggeri e dei bagagli nella stazione di Fiumicino, per migliorare ulteriormente il customer journey e incentivare, attraverso nuovi servizi, la scelta del viaggio intermodale. Il prossimo step dell’accordo prevede lo sviluppo infrastrutturale della stazione Fiumicino Aeroporto, dove si prospetta di passare dagli attuali tre binari ad un totale di cinque. Previsto anche uno sviluppo del trasporto su gomma con investimenti e progetti per la viabilità. Ulteriori miglioramenti e sviluppi della linea previsti riguardano la realizzazione dei collegamenti FL1 e FL5 per i collegamenti via San Pietro e con Civitavecchia, oltre ad un quadruplicamento della tratta Ponte Galeria-Fiumicino Aeroporto. Per la connessione diretta dell'Alta Velocità il progetto prevede la chiusura dell'anello ferroviario di Roma e bypass infrastrutturali per l'inserimento di treni diretti a Fiumicino senza stop a Roma Termini.

L’integrazione treno+aereo, sintesi perfetta delle due direttrici strategiche principali di Aeroporti di Roma – sviluppo sostenibile e innovazione, nasce dall’ineluttabile esigenza degli aeroporti di abbattere le proprie emissioni, così da contribuire alla transizione green del settore, ma soprattutto rappresenta un vero e proprio moltiplicatore di opportunità di connettività per i passeggeri. E’ un prodotto completamente nuovo, che offre agli utenti la possibilità di viaggiare in maniera sempre più seamless, e al contempo supporta il processo di trasformazione degli aeroporti a smart hubs.